Alimentari low cost: quando fare la spesa richiede un finanziamento

Cosa mangiano gli italiani

‘Innovazione e sperimentazione di nuovi cibi, gli italiani scoprono nuovi modi di preparare il cibo. A segnalare il cambiamento alimentare dei consumatori nostrani è stata una recente indagine di Italiani Coop, curata dall’Ufficio Studi Coop che ha realizzato un sondaggio che ha coinvolto settemila persone tra i 18 e i 65 anni a giugno 2018. I ricercatori hanno chiesto agli intervistati di raccontare il loro stile alimentare attraverso risposte prescritte, per esempio, tradizionale, tipico,  a digiuno, vegano, mediterraneo, vegetariano, ecc. ecc.

Il cambiamento

Le risposte ottenute dalla ricerca hanno evidenziato che un italiano su tre sperimenta nuove cucine, mentre quasi un italiano su dieci  mangia solo cibi che può permettersi perchè condizionato da vincoli economici. Il sondaggio  inoltre diviso il campione delle persone intervistate in tre tipi alimentari: i tradizionalisti puri (38%), gli innovatori (31%) e i low cost (9%). Un buon 22% è rimasto senza una classificazione precisa. In pratica ci sono i tradizionalisti che preferiscono le pietanze della tradizione, poi ci sono i vegani, i salutisti, e i vegetariani che consumano il cibo in modo spartano; la terza categoria comprende tutte le persone che amano provare le cucine di altri Paesi; cinese, giapponese, indiana, ecc. ecc.

Mangiare in base alla disponibilità economica

Purtroppo spesso l’alimentazione è sottoposta non a scelte spontanee ma a restrizioni, poichè il budget mensile non permette di comperare alcuni tipi di cibo, come pesce, carne o altre preparazioni raffinate. I consumatori di questa fascia sono detti low cost; sono i consumatori la cui scelta alimentare deriva da un vincolo di reddito e non proprio dalla loro volontà. Dal report è anche emerso anche le scelte alimentari rispecchiano il modo di concepire la vita: gli innovatori sono quelli più attenti alle mode, all’estetica, ai cambiamenti del mondo, alla comunicazione e ai social, amano e praticano le discipline orientali o quelle meditative. I tradizionalisti invece amano i vecchi mezzi di comunicazione tipo la televisore, leggono poco, amano la musica pop e non praticano sport. I low cost non possono permettersi molto per motivi economici. Questa crisi latente ha spinto molte persone a chiedere un prestito alle banche proprio per fare la spesa, per poter mangiare meglio. Una delle banche italiane che propone prodotti finanziari validi e vantaggiosi per qualsiasi necessità è IBL Banca Spa Foggia Ag. Credis Mutui & Prestiti Piazza Alcide De Gasperi, 7/M, 71121 Foggia FG; qui di seguito le indicazioni stradali.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*