Ricette mondiali per le fasi finali

Come abbiamo già descritto nell’articolo precedente, ricette mondiali, il gioco consiste nell’accompagnare una partita di Russia 2018 con dei cibi che rappresentino la tradizione culinaria di una delle due squadre in campo. Abbiamo visto alcuni piatti tipici nella fase a gironi e continuiamo la sperimentazione delle ricette mondiali anche per le fasi finali, match disponibili su www.newcalcio.org . Purtroppo manca il fattore esotico visto che tutte e 5 le squadre africane non hanno superato la fase a gironi, e con loro anche Panama, e altre nazioni che avrebbero potuto interessarci per il nostro palato. Ma con quali cibi potremmo accompagnare la visione delle fasi finali, gli ottavi per la precisione, del Mondiale di Russia 2018? Proviamo a consigliarvene alcuni

Spagna – Russia, Pelmeni

Non esotico ma vogliamo tributare la nazione ospitante con i Pelmeni, originari probabilmente dei monti Urali, sono degli involucri di pasta di forma grossomodo sferica, del diametro di 2-3 centimetri e del peso di circa 15 grammi, ripieni di carni miste. Il condimento può variare parecchio da zona a zona e da tradizione a tradizione, ma immancabile pressoché ovunque in Russia sono le creme acide con cui i ravioli vengono conditi.

Croazia – Danimarca, Smorrebrod

Si tratta di un panino danese composto da una fetta di pane di segale, in genere imburrato, su cui sono disposti, ad arte, i più gustosi e disparati ingredienti: uova, gamberetti, formaggio, aringhe, salmone, carne di maiale, maionese, pomodori, lattuga e quant’altro la fantasia suggerisca. Ottimo accompagnato da acquavite o birra magari croata così da unire tutte le due squadre.

Colombia – Inghilterra, Bandeja Paisa

Bandeja Paisa: il piatto tipico della città di Medellín e di tutta la regione chiamata Antioquia, include frijoles (fagioli), carne molida (carne macinata), chicharron (la cotica del maiale fritta), chorizo, avocado, riso, arepa, uovo. Più di un piatto un’esperienza mistica!

Che ne dite di una birra tedesca per tutte le ricette? Almeno brindiamo al nostro mesto destino comune!

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*